22 Set

Josefov, il Quartiere Ebraico di Praga

Una delle visite turistiche “obbligatorie” per chiunque attraversi la capitale ceca è il quartiere ebraico di Praga, Josefov.

Quartiere Ebraico di Praga

Questo quartiere sorse nel Medioevo dall’unione delle due comunità ebraiche della città.




Josefov ha le sue origini nel 12° secolo quando due comunità vicine si unirono gradualmente.

Già nel XIII secolo la città aveva mura per proteggere i suoi abitanti dagli attacchi antisemiti, i peggiori ci furono nell’anno 1389, durante i quali vennero uccise più di 3000 persone.

Nel XVI secolo la comunità iniziò a prosperare e alla fine di questo secolo furono costruite diverse sinagoghe e il municipio del quartiere ebraico.

Nel 1850, il vecchio quartiere ebraico di Praga fu incorporato nella città e fu chiamato Josefstadt (città di Giuseppe) in onore dell’imperatore Giuseppe II d’Austria che governò l’attuale Repubblica Ceca nel XVIII secolo e da cui deriva il suo nome in ceco, Josefov.

La fine del ghetto ebraico di Praga

Il monarca promosse l’Editto di Tolleranza nel 1781, che diede agli ebrei della città gli stessi diritti degli altri cittadini.

Prima di questo editto e durante i precedenti 500 anni, gli ebrei dovevano indossare un distintivo, che fosse un berretto giallo o la stella di David gialla appiccicata ai loro vestiti.

Da quel momento gli ebrei furono anche autorizzati a frequentare per la prima volta le scuole pubbliche con il resto degli abitanti della città. Ebbero anche il permesso di impegnarsi in quelle occupazioni che erano state precedentemente sottoposte a veto.

I muri che fino ad allora confinarono gli ebrei per vivere in questo ghetto ebraico di Praga furono demoliti. Queste mura erano state costruite nel XIII secolo sotto l’ordine del Papa, che aveva ordinato per decreto che gli ebrei dovessero vivere in modo segregato.

Nel 1890, il vecchio quartiere ebraico di Praga aveva una popolazione di 11.535 persone, ma solo il 20% di loro erano ebrei.

Nel 1893, a causa delle pessime condizioni in cui si trovava il distretto, il Comune di Praga decise di demolire l’intero quartiere di Josefov, ad eccezione di quello che è attualmente il Museo ebraico di Praga.

Museo Ebraico di Praga

Il Museo Ebraico di Praga, situato nel quartiere ebraico, è composto da sei sinagoghe, il Vecchio Cimitero Ebraico di Praga (fondato nel XV secolo), la Sala delle Cerimonie e l’Antico Municipio Ebraico.

Il Vecchio Cimitero Ebraico di Praga si trova accanto alla vecchia-nuova sinagoga, la quale era il cimitero principale del ghetto ebraico della città. Servì come necropoli dalla metà del XV secolo fino al 1787.

Ciascuno degli edifici che compongono il Museo Ebraico di Praga ospita mostre su diversi aspetti della storia, della tradizione e della cultura ebraica della città.

La Repubblica Ceca fu invasa e occupata dalle truppe di Hitler mezzo anno prima dell’inizio della seconda guerra mondiale. A quel tempo il 20% della popolazione di Praga erano ebrei, più di 90.000 persone, di cui circa 60.000 furono uccisi durante l’Olocausto.

Il quartiere ebraico di Praga, Josefov, che era un museo dal 1906, non fu distrutto poiché i nazisti volevano tenerlo e volevano costruire lì il “Museo di una razza estinta”.

Durante gli anni dello stalinismo e della mano di ferro del blocco sovietico, sebbene gli ebrei non fossero stati sterminati come nell’era precedente, molti dei loro diritti di culto furono abrogati.

Quello che era il patrimonio storico, come sinagoghe e cimiteri, furono sistematicamente distrutti. Infatti le sinagoghe e il Vecchio Cimitero Ebraico di Praga che fanno parte di Josefov sono alcuni dei pochi monumenti sopravvissuti.

Dove si trova il Quartiere di Josefov?

Josefov, 110 00 Praha 1 Metro – stazione Staromestska, linea A. Tram – linee 17, 18, fermata Staroměstská. Linee 17, fermata Právnická fakulta


Vedere anche: Free Tour a Praga